Il Cuore Saggio

by DharmaBlogger on November 28, 2010

Jack Kornfield

Cosa contiene di particolare questo libro

Se in circostanze estreme (guerra, terremoto, disastro nucelare) mi trovassi a dover scegliere rapidamente UN solo libro da portare via, sapendo che potrebbe essere l’unico libro che avrò da leggere per il resto della vita, probabilmente prenderei “Il Cuore Saggio” di Jack Kornfield.

In esso trovi espresso e raccontato il nocciolo di tutti gli insegnamenti buddhisti e la sostanza di quella saggezza buddhista trasversale a tutte le tradizioni. E’ come se  tutte le decine di testi “classici” sulla psicologia buddhista che popolano scaffali interi delle librerie, fossero stati qui spremuti e l’essenza raccolta in una psicologia vivente, diretta e pratica.

Il tutto sapientemente integrato e amalgamato con importanti intuizioni della nostra tradizione psicologica occidentale, di cui l’autore mostra conoscenza non solo accademica ma sopratutto esperenziale, essendosi cimentato (di ritorno dalla sua esperienza come monaco in Thailiandia) in svariati approcci terapeutici: analitico, junghiano, reichiano, Gestalt, psicodramma.

Libro imponente nelle dimensioni (468 pagine) ma molto più nella portata e nel valore trasformativo, offre quindi un compendio della psicologia e filosofia buddhista, in linguaggio accessibile e scorrevolissimo, intessuto di testimonianze personali e di racconti di vita vissuta e, spesso, liberata.

Non esiste descrizione migliore dei contenuti del libro di quella fatta da Kornfield nell’introduzione, che riporto:

Gli insegnamenti esposti in questo libro constituiscono una sfida pressante a molta parte della psicologia occidentale e anche al materialismo, al cinismo e alla disperazione che si trovano nella cultura occidentale. Fin dalle prime pagine essi delineano un approccio radicale e positivo alla psicologia e alla vita umana.

  • La parte I illustra la concezione buddhista di “salute mentale” e di “coscienza“.
  • La Parte II esamina in dettaglio la guarigione e il risveglio tramite pratiche di consapevolezza.
  • La Parte III è dedicata alla trasformazione delle emozioni non salutari.
  • La Parte IV descrive sommariamente un vasto ventaglio di strumenti psicologici buddhisti, dal potere della concentrazione e della visualizzazione a sofisticati esercizi cognitivi e pratiche collettive di grande potere trasformativo.
  • La Parte V esplora le più alte possibilità di sviluppo, di estremo benessere mentale e di liberazione.

In chiusura di quasi ogni capitolo suggerisco pratiche specifiche da provare; consideratele esperimenti con i quali esplorare il soggetto, con una mente aperta. Se non avete il tempo di farle tutte, fidatevi della vostra intuizione e cominciate con le pratiche che sentite in grado di rendere migliore servizio al vostro cuore. Se vi dedicate a farle per un pò di tempo scoprirete che trasformano la vosta prospettiva e il vostro modo di stare al mondo

Ok. Ma perchè dovrei acquistare questo libro?

Faccio rispondere anche qui direttamente l’autore del libro:

Comprendere e potenziare le più alte possibilità dello sviluppo umano è un compito urgente per la psicologia dei nostri tempi. Nel nostro mondo individuale e collettivo, sofferenza e felicità dipendono dalla nostra coscienza.

Dobbiamo trovare un modo più saggio di vivere; la buona notizia è che è certamente possibile trovarlo. In questo libro offro le prospettive universali e innovative del buddhismo che ci consentono accesso alla guarigione del cuore, alla liberazione della mente, al beneficio di tutti gli esseri.

Share in top social networks!

Related posts:

  1. L’io esiste o non esiste? Meglio il Sé o l’Assenza del Sé?

{ 3 comments… read them below or add one }

aemme December 6, 2010 at 8:54 pm

C’è bisogno di di affrontare questi temi con un approccio cauto e critico che non si perda nelle troppo confortevoli “masturbazioni spirituali”. E’ difficile però essere critici senza rimanere vittime dei propri preconcetti, dei metri con cui si misura il mondo. Difficile essere critici praticando la mente del principiante. Le librerie annegano in centinaia di volumi fra cui è difficile distinguere la paccottiglia new age e gli esotismi da quattro soldi da volumi affidabili, orginali e sinceri.
Grazie per questo consiglio e per questo blog.

nadia September 25, 2011 at 5:51 pm

“Se in circostanze estreme (guerra, terremoto, disastro nucelare) mi trovassi a dover scegliere rapidamente UN solo libro da portare via, sapendo che potrebbe essere l’unico libro che avrò da leggere per il resto della vita, probabilmente prenderei “Il Cuore Saggio” di Jack Kornfield.”
Identici pensieri! Ma anche senza guerre e altre catastrofi, io questo libro continuo a rileggerlo da più di un anno perchè ogni volta vedo quello che non avevo visto prima e mi aiuta in ogni pratica di meditazione. Kornfield usa parole che hanno un’anima.

Jader January 8, 2013 at 7:11 pm

E’ molto dura ,per alcune persone la vita,anzi oserei dire ,per molte.Questo libro ,e’ di una semplicita’ estrema ,per chi legge libri di questo genere.Semplicemente ,semplice ,e’ una cosa di cui abbiamo bisogno. E una volta letto ,lo si vuole rileggere ,nuovamente. Non acceca gli occhi di chi legge,ma li apre con una costante:la verita’ della vita .E se vogliamo anche pieno di risultati incostanti per noi stessi,ma che alla fine hanno un risvolto a volte nascosto ,o, non del tutto chiaro.C’e’ dolcezza in questo libro di kornfield.Ci rimette al mondo ,buttando giu’, tutte quelle maschere che eravamo, trasformati in una persona ,piu’ matura e piu’ saggia e sempre piu’ pronta ad accogliere la vita.

Leave a Comment

Previous post:

Next post: